Festeggia il tuo Capodanno 2020 a Brescia: i suoi numerosi ristoranti, locali, discoteche, ville e castelli ti faranno trascorrere l’ultima notte dell’anno in modo indimenticabile.

Brescia è una delle città più belle e storiche della Lombardia e offre tanto intrattenimento non solo in locali tradizionali, ma anche tanta cultura e storia in musei, teatri e siti archeologici da vistare. Brescia, infatti, è un’antica città le cui origini risalgono a oltre 3200 anni fa e possiede un cospicuo patrimonio artistico e architettonico: i suoi monumenti di epoca romana e longobarda sono stati dichiarati dall’Unesco patrimonio mondiale dell’umanità.

Per il tuo capodanno il nostro staff è pronto per aiutarti ad organizzare un soggiorno perfetto in tutti i suoi aspetti.

Idee nuove ed originali per un Capodanno a Brescia ce ne sono? Certo che si e sei entrato nella pagina web che ti darà le proposte più esclusive per l’ultimo dell’anno. Iniziamo dicendovi che il programma del Capodanno 2020 prevede numerosi eventi, la maggior parte dei quali gratuiti: tra i più popolari ci saranno le feste ed i concerti di piazza, i fuochi d’artificio che illumineranno i castelli, le feste tradizionali dei veri bresciane nelle vie del centro storico.

10 MOTIVI PER TRASCORRE CAPODANNO A BRESCIA

La Cattedrale di Santa Maria Assunta o Duomo Nuovo

La Cattedrale di Santa Maria Assunta, detta anche Duomo Nuovo, è nella nostra lista di cosa vedere a Brescia perché è la chiesa principale della città e la sua bellissima facciata in marmo Botticino la rende una vera meraviglia! Fu costruita nel 1603, sulla pre-esistente cattedrale di San Pietro de Dom dall’architetto Lantana e si affaccia su Piazza Carlo V, una delle più famose di Brescia.

Il Duomo Vecchio o Rotonda

Proprio accanto al Duomo Nuovo, si trova il Duomo Vecchio: una delle attrazioni da non perdere nella lista di cosa vedere a Brescia! Si tratta di uno degli edifici storici più famosi della città: fu costruito nel X secolo ed ha una caratteristica forma circolare, che le ha regalato il soprannome di Rotonda di Brescia. Al suo interno sono custodite numerose opere del Moretto e del Romanino, oltre al sarcofago marmoreo del vescovo Berardo Maggi.

Il Capitolium

Il Capitolium è una delle testimonianze delle origini romane dell’antica Brixia: è infatti un tempio romano che si trova nel centro storico ed è sicuramente una delle attrazioni da vedere assolutamente a Brescia. Il Tempio Capitolino era dedicato a Minerva, Giove e Giunone e la sua costruzione è fatta risalire al 73 d. C. dall’imperatore Vespasiano. Si tratta di uno dei più importanti resti romani dell’Italia Settentrionale e fa parte del Patrimonio Unesco.

La Piazza del Foro

Piazza del Foro è una delle piazze più importanti di Brescia: è stata costruita sulle rovine dell’antica piazza di epoca romana e ne ha ereditato il nome. Si trova proprio nel centro storico e su di essa si affaccia il Capitolium. La particolarità di questa piazza è quella di essere leggermente in pendenza, in quanto è costruita sulle pendici della collina chiamata Cidneo; su di essa si affacciano edifici di epoche diverse che testimoniano la storia della città: assolutamente da vedere se siete a Brescia!

Il Teatro Romano

Nella nostra lista di cosa vedere a Brescia non poteva mancare un altro degli edifici di epoca romana della città lombarda: il Teatro Romano. Venne costruito in età Augustea e poi rinnovato durante l’età Flavia; per costruirlo venne sfruttata la pendenza naturale del colle Cidneo, come avveniva spesso nella costruzione dei teatri in epoca romana. Il Teatro Romano di Brescia è uno dei più grandi del Nord Italia.

Il Museo Nazionale della Fotografia

Non può mancare alla vostra visita nella città lombarda il Museo Nazionale della Fotografia, a pochi passi dal Castello di Brescia. Si tratta sicuramente di un luogo di grande interesse non solo per chi ama la fotografia e il cinema, ma anche per chi vuole scoprire di più su queste affascinanti forme d’arte. Il museo, infatti, ospita macchine fotografiche e apparecchiature cinematografiche che raccontano la storia di queste due discipline, partendo dalle prime sperimentazioni e arrivando fino ai giorni nostri! Oltre alla collezione permanente, il museo bresciano ospita numerose mostre.

Il Castello di Brescia

Il Castello è uno dei simboli della città di Brescia e di certo non poteva mancare nella nostra lista, anche perché è uno dei più grandi d’Italia. Il Castello di Brescia sorge arroccato sul colle Cidneo e domina tutta la città; fu costruito in epoca medioevale sui resti di un antico insediamento romano. Al suo interno troviamo anche il Museo del Risorgimento ed il Museo delle Armi; per visitare i musei ed il Castello esiste un biglietto cumulativo.

La Torre della Pallata

La Torre della Pallata si trova nel centro storico di Brescia, fu costruita nel 1254 insieme alla cinta muraria (che oggi non esiste più). Si tratta di una massiccia torre in mattoni rossi, sulla quale è posto anche un orologio, aggiunto nel Quattrocento. Adiacente alla torre, c’è la Fontana della Pallata, sulla quale sono poste due allegorie che rappresentano i due fiumi di Brescia: il Mella e il Garza.

Piazza della Loggia

Piazza della Loggia è probabilmente il luogo più conosciuto della città lombarda: su di essa si affaccia la sede del comune di Brescia, il palazzo detto La Loggia. Piazza della Loggia, purtroppo, non è famosa solo per la bellezza dell’edificio comunale, ma è tristemente famosa per l’attentato del 28 maggio 1974, avvenuto durante una manifestazione antifascista, che costò la vita a 8 persone e ne ferì 102. Un simbolo così emblematico della storia della città non poteva certo mancare tra le cose da vedere a Brescia.

Il Monastero di Santa Giulia

Il Monastero di Santa Giulia fu fondato dal re dei Longobardi Desiderio nel 753 ed ampliato poi nel corso degli anni, fino ad inglobare anche il Monastero di San Salvatore. Oggi ospita anche il Museo della Città, nel quale viene ripercorsa la storia di Brescia. Questo monastero è nella nostra lista di cosa vedere a Brescia anche perché, secondo la leggenda, qui visse la sua triste vicenda di moglie rifiutata, Ermengarda, la prima moglie di Carlo Magno. La storia della principessa longobarda, figlia di Desiderio, è ripresa nella tragedia Adelchi, scritta da Alessandro Manzoni.

Vi aspettiamo numerosi per scoprire ed ammirare queste meraviglie durante le vacanze di capodanno a Brescia.